Il blog di mxm webcome

Come avere più iscritti alla newsletter?

Scritto da Vanessa Maran il 12 aprile 2019 11.13.24 CEST
Vanessa Maran
Find me on:

Avere una newsletter perfettamente costruita, ma con pochi iscritti, può essere frustrante, ma davvero frustrante. Se hai deciso di leggere questo articolo, probabilmente hai già avviato un servizio di newsletter, curandone impaginazione, testo e immagini, e stai aspettando pazientemente che i primi potenziali clienti si iscrivano. Escludendo amici e parenti, però, questi iscritti non sono poi così tanti… Dove si nascondono?

giphy

Probabilmente a nascondersi sei proprio tu, non i tuoi utenti, anche se inconsapevolmente. Spesso bastano un paio di accorgimenti per invitare le persone ad iscriversi alla tua newsletter. Per questo, prima di passare alla parte “succosa” di questo blog, ti invitiamo a farti queste due domande:

  1. È semplice e immediata l’iscrizione alla newsletter, sul tuo sito?
    Può capitare che l’utente sia già interessato a ricevere la newsletter, ma che navigando sul sito non riesca a trovare un form dove lasciare la propria mail. È necessario rendere l’iscrizione il più semplice possibile per l’utente, con form bene in vista, call to action evidenti e popup utili, ma non invasivi.

    form newsletter

    popup
  2. Hai invogliato le persone ad iscriversi alla newsletter usando i tuoi social aziendali?
    Può sembrare banale, ma molti non ci pensano: spesso può aiutare postare periodicamente sui propri social un post che inviti ad iscriversi alla newsletter. Questo perché molti utenti vengono a conoscenza della tua attività tramite i social e potrebbero essere naturalmente interessati ad iscriversi, se informati.

post fb-1

Se nemmeno questi due accorgimenti non funzionano abbastanza, allora quello di cui hai bisogno è un’evoluzione a livello di contenuti, che ti permetterà non solo di aumentare i tuoi iscritti, ma anche di creare una vera e propria lead generation (ossia una lista di potenziali clienti realmente interessati ai tuoi prodotti/servizi).

Partiamo da questo presupposto: ora come ora, un utente non lascia la propria mail a cuor leggero. Non vuole ritrovarsi la posta invasa da spam o da mail che comunque non aprirebbe mai: per questo bisogna dargli una buona motivazione per iscriversi.

La parola magica è: contenuto. È attraverso contenuti originali, utili e interessanti per la tua utenza che potrai aumentare i tuoi iscritti.

Come? Facciamo un esempio.
Una mattina ti svegli e decidi che non vuoi più consumare plastica: d’ora in poi, adotterai uno stile di vita zero waste. Ma dall’oggi al domani non è così semplice smettere di produrre rifiuti. Per fortuna trovi sul web una ragazza che da anni pratica questo particolare stile di vita, con un blog dove pubblica tutti i suoi consigli e le sue esperienze. Uno dei suoi articoli si intitola proprio “5 cose da sapere per essere zero waste”. Lo leggi, interessato, e alla fine dell’articolo scopri che, lasciando la tua e-mail, potrai scaricare gratuitamente un e-book sulle prime cose da fare e da comprare per cominciare a ridurre il consumo di rifiuti. Da persona fortemente interessata, lasci senza problemi il tuo indirizzo e-mail perché in cambio riceverai un contenuto gratuito che ti potrà sicuramente servire: ora sei iscritto alla newsletter del blog di quella ragazza.

Qual è il “trucco”?
Effettuare una sorta di scambio tra te e gli utenti: fornisci contenuti per loro interessanti, che possano avere semplicemente lasciando il loro indirizzo e-mail, e i tuoi iscritti alla newsletter cominceranno ad aumentare nel corso del tempo. Si tratta di un’operazione di Content Marketing, una delle vie più efficaci per consolidare la tua brand awareness e fidelizzare il tuo pubblico: ne abbiamo parlato in questo blog, che ti aiuterà a capire quanto i contenuti possano fare per la tua comunicazione sul web.

Spero che questo blog ti sia stato utile! Continua a seguire i nostri aggiornamenti per non perderti nessuna novità dal nostro blog 😉

Ricevi gli aggiornamenti

Topics: content, content marketing, lead generation, newsletter

Iscriviti alla newsletter

Ultimi articoli