Il blog di mxm webcome

Facciamo chiarezza: cos’è il Content Marketing?

Scritto da Vanessa Maran il 27 febbraio 2019 11.05.04 CET
Vanessa Maran
Find me on:

Prima o poi aziende, società e liberi professionisti si ritrovano a fare i conti con la comunicazione web, scoprendo di aver bisogno di tante, tantissime risorse: e il sito, e i social, e le newsletter, e la SEO, per non parlare di tutte quelle espressioni più o meno misteriose delle quali è difficile afferrare il senso, specialmente per i profani di strategie di marketing online. Una di queste espressioni è sicuramente “Content Marketing”.

Tagliamo subito la testa al toro. La definizione corretta di Content Marketing è:

 “Il Content Marketing è una tecnica di marketing strategico incentrata sulla creazione di contenuti validi, pertinenti e coerenti per attrarre e acquisire un pubblico chiaramente definito – e infine guidare azioni da parte del cliente che possano aumentare il profitto”.
[Fonte: contentmarketinginstitute.com]

Una frase che però vuol dire tutto e niente (come la maggior parte delle definizioni corrette, del resto).
Per capire cosa sia effettivamente il Content Marketing, partiamo da questi due fondamenti:

  1. il Content Marketing non è fare pubblicità: la pubblicità infastidisce l’utente, il Content Marketing no;
  2. il Content Marketing non parla alle persone, ma dialoga con le persone.

Già la cosa si fa più intrigante, ma entriamo nell’aspetto più pratico del Content Marketing con un esempio.

Immagina che qualcuno, di punto in bianco, decida di regalarti un cincillà.
E non solo: immagina anche di decidere di tenerlo, anche se non sai assolutamente nulla dei cincillà e su come prendertene cura.

Probabilmente la prima cosa che decidi di fare è cercare su internet articoli e video che spieghino come comportarsi con questo animale, cosa dargli da mangiare, come assicurarsi che sia in buona salute, ecc…
Durante la tua ricerca trovi il sito di un veterinario specializzato in animali esotici.

cincillà

Al momento non ti interessa cercare un veterinario specifico, ma solo avere una prima infarinatura sui cincillà e sulle loro necessità. Noti però che il sito del veterinario ha un blog ricco di articoli che spiegano proprio quello di cui hai bisogno: anzi, magari scopri anche che il cincillà ha delle esigenze alle quali non avevi minimamente pensato.

Il blog è aggiornato e i testi sono esaurienti, accompagnati da immagini esplicative e video che spiegano nel pratico come prendersi cura di un cincillà. Esplori il blog da cima a fondo, soddisfatto, e magari lasci anche dei commenti e delle domande per richiedere qualche chiarimento: domande alle quali il veterinario risponde in tempi sufficientemente brevi.

Il veterinario di animali esotici non “esalta” la sua professionalità o il suo curriculum: non offre direttamente un servizio, ma una serie di contenuti che ti sono molto utili, in quanto padrone di un animale esotico. Visiterai il suo blog diverse volte, proprio perché ti serve, e nel frattempo ti fidelizzerà. Molto probabilmente per i primi esami porterai da lui il tuo cincillà, perché ha dimostrato di saperne parecchio su quello che tu (e il tuo cincillà) hai bisogno.

Cos’ha fatto il veterinario?

Non ti ha cercato, ma si è fatto cercare attraverso contenuti di qualità, dialogando con te e con tutti gli altri proprietari di cincillà non una volta, non due volte, ma costantemente nel corso del tempo, aggiornando e inserendo nuovi contenuti di diversi tipi (testi, immagini, video). Il tutto senza spendere un soldo, perché lo scopo ideale del Content Marketing è quello di generare traffico organico, senza quindi l'intervento di investimenti in denaro. 

Non ti ha infastidito con della pubblicità, non ha interrotto la tua navigazione con pop up e banner invadenti mentre eri preso da tutt’altro: ha fatto in modo che fossi tu a trovare lui, in quanto utile alle tue esigenze. Nel blog il veterinario non ha scritto quante specializzazioni ha (magari queste informazioni si trovano in un’altra parte del suo sito), quanto è bravo con gli animali esotici o quanti cincillà ha curato nel corso della sua lunga carriera, ma ha spiegato ai proprietari di cincillà quello che serve e che potrebbe servire. Ovviamente serve anche un veterinario, per assicurarsi che il tuo cincillà stia bene… E quel veterinario sembra proprio fare al caso tuo!

Cominci a capire le potenzialità del Content Marketing?

Attenzione, però. Nel Content Marketing:

  1. chi improvvisa è perduto;
  2. pianificare è fondamentale.

Ciò significa che per fare Content Marketing non è sufficiente pubblicare un blog ogni tanto, ma è necessario seguire una strategia con obiettivi a lungo termine, in modo che quei blog e quei contenuti mirino effettivamente ad uno o più obiettivi di business (ad esempio: aumentare il fatturato del 10% entro la fine dell’anno). A lungo termine, perché l’utente necessita di un periodo di tempo più o meno lungo per essere fidelizzato: non ti fidi mica del primo veterinario di cincillà che passa per il web, giusto?

Un rapporto duraturo e costante con un’agenzia specializzata può aiutarti in modo che tu possa essere seguito passo per passo nella tua strategia e, soprattutto, per evitarti uno spreco della risorsa più preziosa che ci sia: il tempo. Fare bene Content Marketing richiede tempo e non è possibile dedicargli solo una mezzoretta al giorno, come un “accessorio” che a volte si indossa e altre volte no.

Per citare (in parte) i latini: verba volant, content manent.

Se non ti è ancora perfettamente chiaro cosa sia il Content Marketing e come effettivamente possa esserti utile, nella nostra guida gratuita trovi altri esempi (questa volta casi reali e senza cincillà in mezzo, per quanto siano carini) e, soprattutto, un elenco di tutto quello che il Content Marketing è potenzialmente capace di fare.

Scarica la guida

 

P.S.: nessun cincillà è stato maltrattato nella scrittura di questo articolo.

giphy

Topics: agenzia web, agenzia di comunicazione, da dove iniziare, content, blog, content marketing

Iscriviti alla newsletter

Ultimi articoli