Il blog di mxm webcome

Perché un albergo dovrebbe avere il proprio sito web

Scritto da Vanessa Maran il 13 settembre 2019 13.30.00 CEST
Vanessa Maran
Find me on:

L’esistenza dei social e delle OTA spesso spingono i proprietari di alberghi, agriturismi e ristoranti a mettere il sito in secondo piano, specialmente all'inizio della loro attività, quando il budget è ridotto e ci sono già fin troppe spese a cui pensare. Tuttavia è necessario tener presente che il sito personale è una risorsa preziosa e insostituibile, da considerare non come la “ciliegina sulla torta”, ma come la torta stessa.
Va bene aprire la pagina Facebook e il profilo Instagram, va bene affidarsi a Booking ma, non appena hai il budget necessario, la priorità è una sola: il sito!

Se sei poco convinto, ti spieghiamo in 5 punti perché dovresti creare o commissionare un sito web, non appena ne hai la possibilità (e, se stai pensando di aprirne uno gratuito, ti spieghiamo anche perché non ti conviene in quest'altro blog).


giphy

1. Puoi differenziarti maggiormente dalla concorrenza

Nei social puoi certamente cambiare la tua foto profilo, aggiungere una bio e altre informazioni, ma non puoi personalizzare più di tanto: alla fine sei ospitato in una piattaforma che non è la tua, di cui non puoi cambiare praticamente nulla (colori, grafica, ordine delle informazioni, ecc…). I valori e i pregi della tua struttura emergono solamente se l’utente decide di esplorare la tua pagina e cominciare a seguire i tuoi post. Con un sito web ben fatto, invece, il mood della tua attività viene trasmesso nell’esatto momento in cui un utente entra nel tuo sito.

Per capire meglio cosa intendiamo, prova a entrare sul sito del b&b Val di Rose: in pochi secondi dà un’idea precisa dei valori della sua attività, anche senza cominciare a navigare approfonditamente.

Leonardo-DiCaprio-Clap

Il sito personale permette questo: differenziarti in modo immediato dai tuoi concorrenti, ricorrendo alla grafica e ai testi per trasmettere in modo emozionale i punti forti della tua struttura.

2. Hai più strategie di marketing a disposizione

Ok, gli Insights di Facebook possono essere utili, ma con un sito attivo puoi far affidamento su Google Analytics e su tutti i dati che gratuitamente ti fornisce riguardo il tuo pubblico e il modo in cui si comporta, in modo da poter elaborare una strategia più consapevole. Inoltre con un sito pronto puoi cominciare a creare un tuo database di indirizzi e iniziare a fare serie operazioni di e-mail marketing: mai sottovalutare il potere di una newsletter!

3. Puoi godere dei vantaggi del posizionamento organico

Un sito costruito bene, con una SEO efficace e con buoni contenuti può solo far piacere ai motori di ricerca, senza che tu investa in campagne per essere nella tanto ambita “prima pagina di Google”: un premio che si raggiunge solo con un sito studiato e puntino, aggiornato con professionalità. Sembra tanto lavoro, e lo è, ma Google premia due caratteristiche: la qualità e la pazienza. E ne vale sempre la pena.

4. Con un blog puoi raccontare in modo più personale la tua attività

Avendo un sito, potrai aprire un blog da tenere sempre aggiornato con contenuti che possano interessare il tuo pubblico in un modo più accattivante di un post su Facebook o una foto su Instagram. Avrai la possibilità di raccontare la tua struttura con il tono che preferisci, informando anche i tuoi utenti delle attività e delle attrazioni che si trovano nel territorio del tuo albergo. Inoltre è proprio il blog, la maggior parte delle volte, a spingere i tuoi utenti ad iscriversi alla newsletter del sito.

giphy

Riceverai un maggior numero di prenotazioni dirette

Potrai anche aver inserito la tua struttura all’interno di una o più OTA, ma spesso i tuoi possibili clienti, dopo averti trovato su Booking o altre piattaforme simili, preferiscono cercare il tuo sito per conoscere meglio i servizi che offri, oltre che per trovare qualche offerta vantaggiosa o pacchetti vacanze non previsti dalla OTA. A questo punto i clienti, invece di prenotare tramite OTA, probabilmente decideranno di prenotare  dal suo sito (tramite un form, una mail o un sistema di booking engine: a te la scelta). In poche parole, il sito aumenta la possibilità di avere prenotazioni dirette (e quindi senza commissioni).

Ti stai chiedendo quanto può costare un sito professionale?

Richiedi un preventivo gratuito

Topics: content, content marketing, marketing strategy, comunicazione, storytelling, web marketing turistico, ota, sito responsive, web marketing alberghiero, sito

Iscriviti alla newsletter

Ultimi articoli